Il dono di Hu Yaobang per Berlinguer

Domenica 21 gennaio ho visitato la bellissima mostra “I luoghi e le parole di Enrico Berlinguer” all’Ex mattatoio di Roma, nel quartiere Testaccio. È stata una bella occasione per approfondire la conoscenza sulla vita di Berlinguer, vedere foto inedite della sua vita privata, come quelle che lo ritraggono bambino con il fratello Giovanni ed il papà Mario, scatti che lo ritraggono in compagnia dei più grandi leader politici mondiali come Arafat, Fidel Castro, foto storiche come la stretta di mano con Moro ma anche appunti dei suoi discorsi e documenti della corrispondenza con cui esprimeva la solidarietà alla moglie di Moro dopo il rapimento e la strage di via Fani. È stata una bella occasione per rivedere tante persone che non incontravo da tempo, discutere di storia e politica passata e presente.

Dunque queste erano le mie aspettative per la giornata di ieri, tutte ampiamente soddisfatte. Tuttavia il colpo di scena più piacevole è arrivato quando, all’improvviso, passione per la politica e la lingua cinese si sono intrecciate inaspettatamente. Appena entrato nel padiglione che includeva l’area espositiva di Berlinguer come leader globale (sezione “La dimensione globale”) mi imbatto in una teca contenente un testo con un titolo cinese in sette caratteri.

berlinguer in cina1 1000

La prima cosa che noto è che i primi tre caratteri 贝林格 [bèi lín gé] messi insieme così non significano niente, mentre gli ultimi quattro compongono due parole 言论 [yán lùn] (discorso) 选集 [xuǎn jí] (antologia).

In cinese, quando si hanno una serie di caratteri che, messi insieme o in sequenza, non hanno nessun significato, ci si trova di solito di fronte al metodo utilizzato per riprodurre una parola straniera che non trova corrispondenza nella loro lingua (tanto per fare un esempio tipico, la parola “Pizza” trova corrispondenza con i caratteri 批萨 che riproducono il suono "pī sà") oppure davanti alla riproduzione di un nome straniero.

Al fine di riprodurre un nome straniero, infatti, i cinesi utilizzano quei caratteri che posseggono il suo che ci si avvicina il più possibile.

Così, ripetendo tra me e me la pronuncia di 贝林格 [Bèi lín gé], riflettendoci un po’ su, non mi ci è voluto molto per arrivare alla conclusione che quei tre caratteri altro non potevano essere se non il cognome Berlinguer!

E allora il titolo del testo doveva per forza essere qualcosa del tipo di “Discorsi scelti di Berlinguer” oppure “Antologia di discorsi di Berlinguer”.

Dopo aver decifrato il titolo mi sposto con lo sguardo di fianco al testo ed inizio a leggere le didascalie. Nella prima sulla destra si legge una scritta a mano “Alla Signora Letizia”, nella seconda “HU YAOBANG General Secretary of the Central Committee of the Communist Party of China”, colui che ha donato il testo. 

L’ultima in basso è la didascalia esplicativa: “Libro donato dal Hu Yaobang, segretario del Partito comunista cinese, alla moglie di Berlinguer, Lucrezia Laurenti”.

Aver riferito la traduzione del titolo alla nostra guida provoca in lui una certa sorpresa “Ah pensavo fossero degli scritti di Hu Yaobang” mi confessa.

Inizialmente pensai che fosse un dono offerto durante la visita di Berlinguer in Cina, tuttavia, da una breve ricerca in rete, ho trovato che la data di pubblicazione del testo è fissata per il 1984, anno della morte di Berlinguer e data successiva alla visita dello statista comunista in Cina.

Potrebbe, dunque, essere un dono offerto da Hu Yaobang per porgere le condoglianze alla moglie Letizia. Ma di questo non ho trovato ancora tracce nè nelle informazioni disponibili nella mostra, nè dalla prima breve ricerca online. Sarà dunque un approfondimento che affronterò in seguito.

Tuttavia, alla luce della traduzione del titolo un punto rimane fermo: il senso del dono dovrebbe essere il contrario di quel che alcuni presumevano: non certo un dono per consentire la comprensione della parte cinese (il che sarebbe comunque complicato vista la distanza tra le due lingue) quanto l’esatto contrario, come per dire “abbiamo tradotto i tuoi discorsi nella nostra lingua, per consentire a noi di comprendere meglio il tuo pensiero”.

Questa piccola scoperta mi ha iniettato una bella dose di felicità, come succede ogni volta che si scopre qualcosa di piacevole ed inaspettato.

Eppure, poco più avanti mi aspettava un’altra piacevole scoperta. Sempre nell’area di Berlinguer come leader globale, di fronte le mappe dimostrative con le infografiche sui viaggi effettuati da Berlinguer nel mondo, ho notato uno scatto del suo viaggio in Cina, potendo riconoscere il luogo esatto in cui veniva ritratto. Questa informazione non era presente in didascalia.

Infatti la descrizione in basso riportava semplicemente “Album fotografico donato ai componenti della delegazione del PCI guidata da Berlinguer in occasione del viaggio nella Repubblica popolare cinese”.

Dunque il primo scatto in alto a sinistra è stato effettuato in un luogo fondamentale ed iconico del Partito Comunista Cinese, ritrae, infatti, la delegazione di fronte al Museo del Primo Congresso del Partito Comunista Cinese situato a Shanghai nel quartiere di 新天地 [Xīn tiān dì].

Il Museo è stato realizzato proprio nel luogo in cui il Partito Comunista Cinese è stato fondato nel 1921 (nello stesso anno del Partito Comunista Italiano per altro).

Ho visitato questo luogo circa cinque anni fa e ne ho parlato in questo articolo.

berlinguer in cina5 1000

 

berlinguer in cina3 1000

 

berlinguer in cina4 1000

Anche se poco leggibile a causa dell’età della fotografia, alle spalle della delegazione si può notare la targa affissa sull’ edificio del museo, targa tuttora esposta nella medesima posizione.

La dicitura incisa sulla targa recita:

中国共产党第一次  [Zhōng guó Gòng chǎn dǎng]

全国代表大会会址 [quán guó dài biǎo dà huì huì zhǐ]

Traduzione “Luogo del Primo congresso del Partito Comunista Cinese”

Questa domenica si è conclusa dunque con due piacevoli scoperte che accendono la curiosità per andare oltre ed approfondire le vicende legate alla visita di Berlinguer in Cina. Il primo punto che mi piacerebbe approfondire è leggere quali discorsi e scritti di Berlinguer sono stati pubblicati all'interno di questa antologia. Sarebbe bello anche leggere come sono stati tradotti i suoi discorsi e paragonarli con quelli originali. Per il momento l'unica cosa che sono riuscito a carpire facendo una breve ricerca in rete è l'indice del testo, reperibile al seguente link e pubblicato su douban (in seguito pubblicherò la corrispondente traduzione del sommario reperito), piattaforma/database cinese dedicata ad opere letterarie e cinematografice.

https://book.douban.com/subject/2254175/

Ho trovato anche il testo in vendita su questo portale ecommerce cinese dedicato a libri antichi chiamato 孔夫子旧书网 [Kǒng fū zǐ jiù shū wǎng], tradotto "Sito dei libri antichi di Confucio".

Perché sarebbe utile leggere ora, dopo circa 40 anni dalla pubblicazione? Capire quali discorsi di Berlinguer sono stati scelti e vedere come sono stati tradotti paragonandoli agli originali, ci aiuterebbe a comprendere "che tipo di Berlinguer" è stato presentato in Cina. Sarebbe anche utile capire la quantità di copie stampate per avere un'idea di massima dell'impatto che può aver avuto in Cina questo testo.

Per approfondimenti sui da Berliguer con Hu Yaobang ed il Partito Comunista Cinese consiglio la lettura di Berlinguer in cina: il decennio del lungo carnevale, L'articolo descrive i rapporti instaurati da Berlinguer contestualizzandolo agli accadimenti principali in Italia e Cina di quel periodo. Riporta anche utili risorse per approfondire l'argomento.

 

Questo è il sito di

Stefano D'Alessandro

qui troverete:

Recensioni su serie tv, film cinesi

Tutorial e riflessioni sull'attualità

Chongqing Hotpot: quegli strani cortocircuiti tra il cinema d’autore cinese e l’Italia

Tre amici di infanzia e soci in affari nella gestione di un fallimentare ristorante HotPot ricavato in uno dei tanti rifugi antiatomici dismessi di Chongqing (retaggio della scampata guerra nucleare sino-sovietica), nel corso di lavori di ristrutturazione nel locale, sbucano per sbaglio nel bel mezzo di un caveau di una banca, trovandosi a portata di mano mazzette di contanti che li renderebbe ricchi sfondati, estinguendo, inoltre, i loro ingenti debiti e guai con la malavita.

La tentazione è forte, specialmente quando i tre scoprono che nella banca lavora Yu Xiaohui (Bai Bai He - 白百何), una loro ex compagna di classe, innamorata di uno del trio, Liu Bo (Chén Kū - 陈坤) ai tempi del liceo.

Il terzetto cerca la collaborazione della ragazza che accetta volentieri, un po’ perché ancora cotta della sua vecchia fiamma adolescenziale, un po’ per rivincita contro un ambiente di lavoro ostile.

chongqing hotpot movie film 02

Tuttavia poco prima del colpo, Liu Bo desiste dall’intento criminale e rinuncia alla rapina ma l’incredibile coincidenza con un altro colpo progettato da rapinatori “professionisti” che irrompono in banca con le maschere di Xīyóujì 西游记 (Viaggio in occidente) e rapiscono come ostaggi dipendenti e clienti della banca, inclusa Yu Xiaohui, spingono Liubo ad intervenire per salvare la ragazza e, forse, per redimersi dal peccato di aver progettato il colpo o, addirittura, da un’esistenza fallimentare.

chongqing hotpot maschere 01 800

Che c’entra l’Italia?

Se si esclude la violenza sovraesposta nelle sparatorie “alla Tarantino”, per chi, come me, ama il cinema italiano di Totò e la Commedia all’italiana, sembra di vedere la versione cinese de “I soliti ignoti” di Monicelli o, meglio ancora “La banda degli onesti” con Totò e Peppino.

Il trio che butta giù la parete sbagliata e il belloccio della combriccola che cerca di sfruttare una onesta ragazza di buone maniere per i suoi illeciti interessi, salvo poi desistere dal colpo e salvare la donzella in pericolo tirandola fuori dal guaio combinato rimandano alla “Banda del buco” e al Gasmann dei “Soliti ignoti di Monicelli”.

i soliti ignoti pasat e ceci 01

Gli onesti cittadini che si trovano di fronte la peccaminosa tentazione di un colpo facile, facile salvo poi desistere all’ultimo, quando tutto era pronto, sembrano proprio il gruppetto di improvvisati falsari capeggiati da Totò e Peppino nella “Banda degli Onesti” di Camillo Mastrocinque.

banda degli onesti toto mastrocinque 02

Tutto questo faceva sorgere in me l’assurda domanda … Ma vuoi vedere che Yang Qing (il regista) ha visto qualche film italiano?

Mentre cercavo di soffocare l’assurda domanda dalla mia mente ecco che saltano saltano fuori un paio di Easter eggs: Liu Bo torna a casa sua in cerca della lettera ricevuta da Yu Xiaohui al liceo quando, come per magia, sulla parete della sua cameretta appare il poster della Nazionale Italiana Epoca mondiale Francia ‘98.

E così mentre venivo distratto dalla trama del film da Del Piero, Vieri, Roberto Baggio, Inzaghi e Dino Baggio penso “Wow, un’altra coincidenza!”.

chongqing hot pot roberto baggio 01 b

Il film prosegue e vengo di nuovo catturato dalla trama, ma dura poco, perché, mentre una cricca di piccoli mafiosi e creditori di Liu bo, lo vanno a “trovare” a casa, vediamo il nonno di Liu bo davanti al teleschermo con la maglia di Baggio di USA ‘94.

Chong qing hot pot roberto baggio 02

Credo davvero che siano solo piacevoli coincidenze di un amante della Commedia all’italiana, di Totò e di uno che ha avuto la fortuna/sfortuna di essere adolescente e appassionato di calcio nel 94/98. Tuttavia, ora, da amante della Cina, del cinema cinese, da fervente sostenitore della necessità della reciproca conoscenza tra i nostri due popoli e delle nostre antiche e recenti culture, se potessi fare una domanda a bruciapelo a Yang Qing vorrei chiedergli “tra Monicelli, Totò e Baggio chi preferisci?”.

 

 

Un’estate indimenticabile, ritorno a Xī ān, prima volta a Yánān

难忘的夏天,回到西安,第一次去延安

Quest’estate 2023 è stata e sarà per me un’estate davvero indimenticabile. Dopo il caos, le sofferenze e le incertezze del Covid, dopo 4 anni di assenza, sono riuscito a tornare in Cina con la mia famiglia e per la prima volta è venuta con noi nostra figlia che, all’epoca del nostro ultimo viaggio, non era ancora nata.

Scopo principale del viaggio, dunque, è stato visitare parenti ed amici per far conoscere la bambina a tutta la famiglia, bisnonna, cugini, zii e nonni. Tuttavia, avendo a disposizione diversi giorni ed essendo già stato diverse volte a Xi'an, si è presentata l'opportunità di andare ad esplorare qualche altro posto e, considerata la mia passione per la storia recente cinese, considerata la relativa vicinanza con Yan'an, non potevo dunque non andare a visitare quella che è stata l'ultima tappa della Lunga Marcia, considerato ora luogo "sacro" della Rivoluzione Cinese.

La visita ai parenti

Ospitalità al primo posto (好客第一)

Diventando parte di una famiglia qui, in questa parte della Cina, l’ospitalità diventa indiscutibile. Non ho mai avuto esperienza diverse rispetto a questa, dunque non ho elementi per commentare l'ospitalità cinese in generale, mi limito dunque a raccontare la mia esperienza.

Subito dopo l’atterraggio, appena un giorno di riposo per riprendersi dal jet lag e poi subito un pranzo con tutta la famiglia allargata dove noi ospiti portiamo regali e pensierini ai parenti ed i parenti regalano le famose Hóngbāo (红包) alla bambina, ovvero, bustine rosse con cui è uso donare soldi ai bambini nelle festività e occasioni speciali.

Una caratteristica dei ristoranti in Cina è quella di esser molto grandi (a volte sono parte di edifici di diversi piani) e divisi in stanze autonome che vengono prenotate da diversi gruppi di persone.

ritorno xian 01

Per l’occasione, i nostri parenti avevano prenotato una stanza con i classici tavoli girevoli in cui vengono servite le diverse pietanze, Mentre il ripiano circolare centrale su cui poggiano i piatti gira, ognuno con le proprie bacchette prende quel che più gli piace tra le portate disponibili.

Rivedere dopo molto tempo persone che ti hanno accolto calorosamente nella famiglia è stato davvero emozionante ma forse la cosa che quel giorno mi ha toccato di più è stato vedere mia figlia giocare con i cuginetti, incontrati quel giorno per la prima volta.

Mentre i bambini giocavano insieme, una cugina di mia moglie sorridendo si rivolge verso di me dicendo “hǎizi méiyǒu biānjì” (孩子没有边际) “I bambini non hanno confini”. Questo è il loro approccio alla diversità.

Nel pomeriggio, subito dopo il pranzo, tutti insieme, adulti e bambini ci siamo diretti all’ értóng lèyuàn (儿童乐园), un parco giochi per bambini dove gli adulti possono giocare insieme ai propri figli.

Come molte altre cose in Cina, il parco è molto più grande rispetto alle nostre equivalenti sale giochi per bambini, occupa un piano intero di un grande edificio, dentro si trova praticamente di tutto: arrampicata, tappeti elastici, mini go-kart e stanze con mega costruzioni.

sala giochi bambini cina xian 01

 

Dopo un pomeriggio intero a saltare e giocare, nonostante l’abbuffata del pranzo, quale conclusione migliore per la serata se non rifocillarsi tutti insieme in zona Huímín jiē (回民街), il quartiere musulmano, collocato in pieno centro, praticamente dietro il Gǔlóu 鼓楼, la Torre del tamburo, uno dei monumenti principali della città.

huiminjie xian 01

huiminjie xian 02

Le specialità da assaggiare qui sono senza dubbio gli spiedini (di ogni tipo e dimensione) e gli spaghetti freddi con salsa di arachidi Májiàng liángpí (麻酱凉皮).

xian majiang liangpi 01

Tornando a parlare di ospitalità, non solo il pranzo fuori, il pomeriggio e la serata insieme, le Hóngbāo (红包) alla bambina ma per tutta la nostra permanenza ogni pranzo o cena insieme, i parenti di mia moglie non ci hanno permesso quasi mai di pagare, inoltre, ogni volta che mia figlia vedeva qualcosa di carino, un giocattolo o qualsiasi altro gadget, senza dire niente, lo compravano e glielo regalavano.


Viaggio a Yánān 延安, luogo “sacro” della Rivoluzione Cinese.


Avendo a disposizione 15 giorni e avendo già visto i principali monumenti di  Xī ān (西安), c’era dunque l’opportunità di visitare qualche altra destinazione.

A circa 300 km da Xī ān c’è Yánān (延安), “luogo sacro” della Rivoluzione Cinese 延安,中国革命的圣地) come si legge all’ingresso del Memoriale della Rivoluzione costruito recentemente proprio in questa città, fortemente voluto dal presidente Xi Jin Ping.

Yan an 01

Yánān è stata, infatti, l’ultima tappa della Lunga Marcia ed è divenuta oggi una affollatissima destinazione del cosiddetto Hóngsé Lǚyóu (红色旅游) cioè Turismo Rosso, vale a dire un circuito di siti di rilevante importanza nella recente storia della Rivoluzione e fondazione della Repubblica Popolare Cinese.

Questo fenomeno è un progetto finalizzato alla promozione turistica di zone economicamente arretrate e alla divulgazione della storia recente legata alla lotta contro i Nazionalisti, alla Resistenza anti-giapponese e alla Fondazione della Repubblica Popolare, rivolto tanto agli adulti che hanno vissuto in epoche più vicine a quegli avvenimenti, quanto ai giovani che ne hanno sentito parlare solo sui libri di storia e nei film.

Da quel che ho potuto vedere il luogo era davvero affollato, ho visto anche molti giovani, non solo vecchi nostalgici, dunque sembra che il progetto stia raccogliendo un buon risultato.

Il Turismo Rosso cinese potrebbe, magari, essere fonte di ispirazione anche per noi in Italia e spingere le nostre istituzioni a promuovere la visita di luoghi simbolo della nostra Resistenza da cui è poi scaturita la Costituzione, piuttosto che continuare a revisionare fatti che dovrebbero esser ormai patrimonio storico di tutti.

Ma qui si apre tutto un altro scenario, ben consapevole delle notevoli differenze storiche sopravvenute nel contesto italiano e cinese dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ad oggi, risulta chiaro che nel quadro socio culturale odierno italiano, il tema della Resistenza è un argomento divisivo, come non lo è in Cina. 

Ho trattato di questo argomento in un mio precedente articolo Dai libri di testo di seconda elementare cinese, una lezione per la memoria della Resistenza italiana ed è stato uno spunto per un evento che ho organizzato insieme all'Associazione Casa Gramsci dal titolo I cinesi in Italia durante il Fascismo. I campi di concentramento.

Al link in basso un paio di articoli per approfondire il fenomeno del turismo rosso:

https://italian.cri.cn/1815/2015/01/07/69s234963.htm

https://travelnostop.com/news/turismo/turismo-rosso-europa-cina-italia_465274

Riprendendo il filo del discorso dunque, Yánān per chi come me ama profondamente la storia recente cinese ed ha letto il capolavoro del giornalista statunitense Edgar Snow, Stella Rossa sulla Cina, libro-cronaca e testimonianza diretta della Lunga Marcia, questa è una tappa obbligata. Inoltre, con il vantaggio di trovarmi ad una distanza relativamente breve da casa dei miei suoceri e avendo un po' di giorni liberi a disposizione, non potevo mancare l'occasione.

In questa piccola cittadina tra i monti a nord dello Shǎnxī (陝西), si è davvero scritta la storia cinese e mondiale, questo è stato il quartier generale dove i Comunisti Cinesi hanno vissuto, lottato e pianificato le strategie che hanno poi portato alla vittoria della Rivoluzione, ponendo le basi per il riscatto della nuova Cina, un riscatto di cui forse solo ora, dopo più di 70 anni dallo svolgersi di quegli episodi, noi occidentali iniziamo a renderci conto.

Qui, in condizioni difficilissime Mao e i suoi hanno vissuto per 13 anni, dal 1935 al 1948, vivendo dentro gli yáodòng (窑洞) case ricavate in caverne scavate nella montagna.

yan an yaodong 01

Arrivati a Yánān: check in, pranzo e poi si parte sulle orme di Edgar Snow, Mao, Zhou En Lai e Zhu De.

Prima tappa del viaggio, appena arrivati, ovviamente check in e albergo e, subito dopo, pranzo in uno dei tanti piccoli ristori della città. Pranzo a base di verdure, carne di asino ed una delle bevande più popolari nello Shǎnxī, l’aranciata Dàyáo (大窑)

Al tavolo ti portano anche una ciotola o un recipiente di agli da mangiare crudi. A molti cinesi piace. Questa è una delle poche usanze cinesi a cui non mi sono ancora abituato ...

dayao chenzhi 02

carne asino shaanxi 01

carne asino shaanxi yanan 02

Dopo il pranzo breve sosta in albergo e poi si riparte per visitare i principali siti della città. Di seguito consiglio i principali siti di interesse da visitare a Yánān.

 

Principali siti da visitare Yánān:


 

Qīngliáng Shān (清凉山延安) 

Sito di templi buddisti nel cuore della città. Qui non ho scattato molte foto, da un lato per non urtare la sensibilità dei fedeli nei templi, dall'altro perché dal punto di vista religioso e storico, il sito non offre molto. Andando a Yánān, comunque, è un posto che non si può non visitare.

Tra le poche foto scattate c'è quella che ritrare mia figlia suonare un'antica campana buddista in compagnia di mio suocero.

qingliang shan yanan 01

Bǎotǎ (宝塔)

Bǎotǎ (宝塔) è la pagoda simbolo della vittoria nella guerra di Resistenza contro gli invasori giapponesi situata in una delle zone più alte della città.

Io e mio suocero, sullo sfondo Bǎotǎ (宝塔), la pagoda di Yan an

Dopo aver effettuato l’accesso ai cancelli del sito, si prende una navetta per salire nella parte più alta del sito, sul piano che ospita la Pagoda (a piedi sarebbe una camminata discretamente faticosa), poco prima di accedere al sito della pagoda, ad accogliere i visitatori c’è il messaggio che si può vedere nella foto in basso. Sotto la foto si vedrà la trascrizione in caratteri cinesi e la traduzione.

yanan baota motto 02

In basso trascrizione e traduzione della scritta.

不忘初心牢记使命
延安之行砥砺前行

Traduzione:

Non dimenticare l’ideale iniziale, ricordare fermamente la missione.
Il cammino di Yan’an ci incoraggia ad andare avanti

Scopo del messaggio è probabilmente quello di divulgare e ricordare le fondamenta ideologiche e le imprese storiche, politiche, militari ed umane che hanno forgiato le basi della Repubblica Popolare Cinese ai visitori.

Qui sotto alcuni scatti di vedute della pagoda

Essendo considerato un punto di rilevante interesse storico dal governo cinese, essendo stata un'area povera, è stata oggetto di un imponente sviluppo edilizio, come le foto comparative presenti sul sito stesso mostrano. Le foto nel cartello mostrano la differenza tra il 1973 ed il 2023. Il piano è uno dei punti più alti della città e consente di vedere la valle della cittadina.

yan an paesaggio da alto 01

A fare le spese di questo progresso sono state le antiche case posizionate nella valle tra le montagne.

Yángjiālǐng (杨家岭)

Dal punto di vista della storia della Rivoluzione, della lotta di Resistenza e della Lunga Marcia, questo, insieme a Zǎoyuán (枣园) che vedremo di seguito, è uno dei luoghi più interessanti di Yánān, perché è qui che ci sono gli 窑洞 yáodòng, case scavate nella pietra delle montagne di terra gialla tipiche di questa zona a nord dello Shǎnxī, luoghi in cui i leader del Partito Comunista Cinese in guerra contro giapponesi e nazionalisti hanno vissuto in condizioni di vita durissime.

Il primo luogo di rilevante interesse una volta entrati nel sito è il tavolo dove Mao fu intervistato dalla giornalista statunitense Anna Luise strong, il tavolo è il luogo in cui, durante l’intervista, Mao pronunciò la storica frase 一切反动派都是纸老虎, vale a dire “Tutti i reazionari sono tigri di carta”

Ho cercato invano di scattare una foto al tavolo in sè, senza altri soggetti, ma prima mia figlia ha deciso di mangiar lì il gelato, dopodichè altri turisti hanno preso d'assalto il sito, facendomi desistere dal mio originario intento...

Veniamo ora agli Yáodòng (窑洞). Tutti coloro i quali hanno letto Stella Rossa sulla Cina di Snow non potranno non esser curiosi di entrarci dentro, visitarli, vedere come vivevano, dove dormivano, dove studiavano, dove cucinavano i protagonisti della Rivoluzione Cinese e del libro.

Seppur risulta chiaro che tutto è stato ricostruito quasi in forma "artificiale", con il letto rifatto, foto appese al muro e utensili ordinati e ben riposti, si può quanto meno percepire ed aver un'idea ben precisa delle condizioni in cui hanno vissuto e operato.

Oltre alle vecchie residenze di Máozédōng (毛泽东), Zhōuénlái (周恩来) e Zhūdé (朱德), c’è l’edificio in cui si è tenuto il Settimo Congresso del Partito Comunista Cinese.
Come tutti i luoghi di interesse storico recente, specialmente legato alla storia politica, l’ambiente viene ricostruito e mantenuto come per mantenere vivi queli attimi che hanno scritto pagine fondamentali della storia cinese.

E così vengono mantenute le bandiere rosse con la falce e martello sullo sfondo, le immagini dei personaggi fondamentali del Marxismo-Leninismo e gli interpreti fondamentali della Rivoluzione Cinese.
Vengono mantenute piante fresche sul palco della presidenza dove erano seduti i dirigenti del Partito durante il congresso ed un leggio dove i turisti possono fare le foto mettendosi in posa come gli oratori del congresso.

La posa più in voga è, neanche a dirlo, il pugno chiuso vicino alla tempia.

yanan yangjialing 02

Passeggiare in questo sito mi ha fatto sentire in assoluto più di qualsiasi altro luogo io abbia visitato in Cina un Lǎowài (老外), cioè uno straniero, anzi, a dire il vero, passeggiando nel sito, da come percepivo gli sguardi dei cinesi su di me, dai frammenti di commenti che carpivo al mio passaggio, quando addirittura non venivo fermato per fargli fare una foto "insieme ad uno straniero", mi sembrava di essere un vero e proprio wàixīngrén (外星人), un alieno...

D’altronde come posso dar loro torto? Quale altro occidentale parte per la Cina per andare a visitare l’ultima tappa della Lunga Marcia? A giudicare dalle presenze che vedo e dalle occhiate che ricevo, mi pare che l’ultimo occidentale qui sia stato Edgar Snow … Ed è un peccato, perché un posto così suggestivo, in cui, che ci piaccia ammetterlo o no, non è cambiata solo la storia cinese ma quella del mondo intero. Secondo il mio modesto punto di vista noi occidentali qui dovremmo venirci in numero decisamente maggiore.

L'orto di Mao
Máo Zé dōng zhòng guò de cài dì (毛泽东种过的菜地)

L' ultimo luogo da visitare prima di uscire dal sito è l’orto di Mao, dove dicono coltivasse, oltre ad alcune verdure, i suoi amati peperoncini.

È noto che Mao fosse grande amante dei peperoncini, per questo li amava coltivare, inoltre, chi avesse letto Stella Rossa sulla Cina ricorderà un passo che riguarda in qualche modo anche l’Italia.

Quello in cui Mao sostiene ardentemente che tutti popoli rivoluzionari amano il piccante, iniziando a fare esempi come la Francia o il Messico, salvo poi doversi sentire smentito quando qualcuno gli ricorda che anche gli italiani sono grandi amanti del piccante …

Il Memoriale della Rivoluzione
Yánān gémìng jì niàn guǎn (延安革命纪念馆)

Altra tappa fondamentale durante una visita a Yánān è quella del monumentale Memoriale della Rivoluzione costruito recentemente e voluto con forza da Xi Jinping.

L’imponenente ingresso accoglie i visitatori con una statua gigante di Mao, sulla sua destra una stele con il rù dǎng shì cí (入党誓词), il giuramento da prestare per poter essere ammesso al Partito Comunista Cinese.

Memoriale della rivoluzione yanan 01

Il memoriale è stato costruito per rimarcare l’importanza che questo luogo rappresenta per la fondazione della nuova Cina. I tredici anni che vanno dal 1935 al 1948 che hanno visto Yánān come casa del Partito Comunista Cinese allora in guerra, rappresentano ancor di più nella visione dell’attuale dirigenza del Partito Comunista Cinese, l’incubatrice in cui la nuova Cina si è formata.

Memoriale della rivoluzione yanan 02

Dentro vengono scandite le principali tappe e momenti di questi tredici anni, tanti reperti come abiti e armi utilizzate da Mao, Zhou En Lai, Zhu De e altri.

Appena entrati si viene accolti da una parate di statue in bronzo raffiguranti Mao, Zhou En Lai, Zhu De e altri, in posa con lo sguardo rivolto verso l'avanti, verso i visitatori che entrano. Sullo sfondo le montagne del nord dello Shaanxi dove svetta la Pagoda.

In alto a sinistra le date 1935 - 1948, periodo della permanenza a Yan an del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese.

Memoriale rivoluzione cinese yan an 01

Copie originali di testi e materiali di propaganda politica dell’epoca, appunti, schizzi e ritratti tra cui, un appunto redatto da Mao in cui si vede l’originale di una scritta che, dalla Rivoluzione Culturale in poi, è divenuta icona del Maoismo, tanto nel contenuto quanto nel suo stile grafico.

Una vero e proprio testo/logo che continua ad essere riprodotto su gadget, magliette o targhe di uffici pubblici. Mi riferisco alla celebre frase Wèi rén mín fú wù (为人民服务) “Servire il popolo”.

originale servire il popolo yanan 02

Non mancano cimeli dei protagonisti di Yan an, armi di ogni genere o riproduzioni di armi utilizzate da Mao in persona.

Pistola mao ze dong yan an 01

Nel corridoio finale che accompagna i visitatori all'uscita si vedono in carrellata i quadri che ritraggono i principali presidenti della Repubblica Popolare Cinese dalla fondazione ad oggi: in sequenza Mao Ze Dong, Deng Xiao Ping, Jiang Zemin, Hu Jintao e l'attuale Xi Jiping.

presidenti cinesi yan an 01


Zǎoyuán (枣园 )

Quartier generale del Partito Comunista Cinese durante la residenza a Yánān, luogo dove si pianificava la strategia militare del Partito.

yanan zaoyuan 01

In questo sito si trovano gli uffici di pianificazione delle strategie belliche (zǎoyuán zuòzhànshì - 枣园作战室). Questi in particolare erano gli uffici dell' Ottava Armata di strada dell'Armata Rossa (bàlùjūn - 八路军). In questi uffici vengono mantenute le mappe appese al muro, tavoli, sedie, giornali e documenti per ricreare l'ambiente, come se i protagonisti di allora fossera ancora lì, ogni mattina, a ragionare su come sconfiggere Chang Kai Shek (Jiǎng Jiè shí - 蒋介石).

Non mancano altri 窑洞 Yáodòng, dimora dei principali protagonisti: Mao Ze Dong, Zhou En Lai e Zhu De.

Prima di uscire si incontrano le statue in bronzo dei leader comunisti protagonsiti a Yan an. In foto da sinistra a destra: Rèn bì shí (任弼时),Zhōu Ēn lái (周恩来), Máo Zé dōng (毛泽东),  Liú Shào qí (刘少奇), Zhū Dé (朱德) . Tutti i visitatori si scattano una foto davanti le statue ed io non sono stato da meno.

yan an zao yuan 01

 

yan an zao yuan 02 1000

Al di là dell'interesse personale nel visitare luoghi che ho vissuto solo attraverso libri e film, oltre ad approfondire per esperienza diretta la storia filtrata da testi comunque occidentali, esser lì permette di vedere come viene ricostruito il passato recente.

Proprio visitando una delle abitazioni dei principali leader politici, dentro lo Yaodong di Zhou En Lai, mi imbatto in una foto che ritrae En Lai stesso al fianco di Liu Shao Qi, anche lui personaggio fondamentale nelle vicende che hanno visto i Comunisti Cinesi vincere la guerra e Fondare la Repubblica Popolare.

zhou en lai liu shao qi yiqi

Li Shao Qi è stato anche Presidente della Repubblica Popolare, salvo poi esser duramente attaccato dalle Guardie Rosse durante la Rivoluzione Culturale, accusato di essere un controrivoluzionario nemico del popolo, rinchiuso e lasciato morire in carcere.

Qui a Zao yuan si rivede al fianco di Zhou En Lai nelle foto e passeggia addirittura di fianco a Mao nelle statue di bronzo all'uscita del sito, insieme ai grandi fondatori della Repubblica. Una riabilitazione postuma, come succede spesso nella recente storia cinese al cambiare di linea politica. Tuttavia non c'è ancora posto per lui tra i quadri dei grandi Presidenti in uscita al Memorial della Rivoluzione. Sembra dunque che le grandi contraddizioni della storia vengano sanate tenendo insieme gli opposti, rimuovendo le discrepanze. Si rimette in primo piano Liu Shao Qi vicino a Mao, si mette in secondo piano Jiang Qing.

Di sera a Yán ān (延安)

Il centro di Yán ān di sera diventa una sagra a cielo aperto. Nella via centrale, tantissimi stand di streetfood stipati uno attaccato all'altro su entrambe i lati della via pedonale, con annessi tavolini posizionati di fronte, offrono i loro prodotti.

 

Ritorno a Xi' an


Il memoriale dell'Incidente di Xi'An
西安事变纪念馆 xī ān shìbiàn jìniànguǎn

In un mio precendente articolo avevo già raccontato di un altro luogo che ha avuto attinenza con il Memoriale dell'Incidene di Xi' an, vale a dire le Terme di Hua qing, teatro di quello che è conosciuto qui in occidente come “L’incidente di Xi’an”, vale a dire, l’arresto di Jiang jie shi, evento che ha cambiò di fatto le sorti della guerra civile cinese, ponendo le basi per la temporanea collaborazione tra comunisti e nazionalisti in chiave di Resistenza antigiapponese.

memoriale zhang xue liang 10

Se scrivevo di quanto fosse stato importante quel luogo per la storia moderna non solo cinese, visitando questo memoriale, situato in pieno centro a Xi’ an, non troppo distante dalla Grande Pagoda dell’Oca Selvatica, ho potuto approfondire gli eventi che hanno portato a quell’arresto, scoprendo che, non fu un gesto d’impeto o un improvviso colpo di mano operato dai sottoposti del generalissimo a capo dei nazionalisti, fu invece opera di una trattativa diplomatica durata anni e svoltasi tra esponenti di vertice del Partito Comunista Cinese, nella figura di Zhou En Lai e del Partito Nazionalista, ovviamente rappresentato da Zhang Xue Liang e svoltasi proprio nei luoghi che ora ospitano il memoriale.

Questo è un fatto da non sottovalutare se si tiene conto che gran parte di quel che si sa in occidente circa quelle vicende è rappresentato dalle cronache d Edgar Snow contenute in Stella Rossa sulla Cina, cronache che hanno avuto il merito di portare la voce del Partito Comunista Cinese - isolato e perseguitato dall’esercito regolare, considerato da tutto il mondo alla stregua di un gruppo di banditi (tǔ fěi - 土匪)  - al di fuori dell’accerchiamento del nemico, diventando popolare al di fuori della Cina e dell’Asia stessa. Cronache che probabilmente in quel contesto ed in quel momento non potevano approfondire le intricate vicende politiche che si andavano dipandando.

Qui come a Yan an, nei luoghi compresi nel circuito del turismo rosso, non ho visto solo turisti ma anche quelli che sembravano essere membri a vario titolo del Partito o comunque funzionari pubblici. Erano organizzati in gruppetti a seguito di una guida che spiegava loro la storia dei luoghi che visitavano.
Tutti avevano una camicia bianca ed una spilletta raffigurante la bandiera rossa con la falce e martello.

Se così è allora, il Turismo Rosso potrebbe non avere il solo scopo di rivalutare aree povere attraverso il turismo, mantenere il legame con la storia della fondazione con le generazioni adulte e anziane o trasmetterla alle generazion i più giovani.
Lo scopo potrebbe anche essere quello di trasmettere lo spirito che ha forgiato la Repubblica Popolare negli atti della Fondazione a tutti i nuovi membri del Partito in un periodo in cui, anche un grande paese come la Cina che continua a dichiararsi socialista - nonostante i grandi cambiamenti avvenuti,  nonostante le inevitabili aperture al mercato, nonostante un mondo sempre più interconnesso - inizia a vivere un evidente processo di depoliticizzazione della società.

memoriale incidente xian 02

Ritorno alla Grande Pagoda dell’Oca Selvatica

Anche di questo monumento e della sua storia ho già parlato in un mio precedente articolo, scritto dopo il mio primo viaggio in Cina, tuttavia devo tornare a scriverne perché in poco più di quattro anni, seppur la Grande Pagoda dell’Oca Selvatica sia sempre lì, uguale ed immutata da secoli, la cornice è cambiate in maniera repentina, incredibile ed inaspettata.

dayanta grande pagoda oca selvatica 01

Hànfú (汉服) Mania!

Se prima l’area circostante era circondata di turisti in abiti casual ora ai turisti si è aggiunta una folta folla vestita di Hànfú (汉服), vale a dire abiti antichi cinesi in voga nell'etnia Han prima dell'avvento della dinastia Qing.

dayanta grande pagoda oca selvatica 02 b

Avevo già letto qualche articolo a riguardo, come questo che segnalo qui, disponibile sul sito China Files, in cui si parlava di una nuova moda che si andava diffondendo in Cina circa la riscoperta di questi abiti antichi ma non pensavo affatto che il fenomeno avesse raggiunto tali proporzioni.

Passeggiando in giro per il centro tanti ragazzi, bambini e adulti, camminano vestiti e truccati con abiti e ornamenti antichi.

In prossimità della Pagoda, la strada laterale che circonda le mura d’ingresso al tempio è praticamente diventata un set fotografico a cielo aperto, una postazione fotografica in fila, una dopo l’altra, in cui gli appassionati di Hànfú (汉服) con i loro vestiti sgargianti si mettono in posa alla ricerca della foto perfetta.

Appena si esce dalla stazione metro la prima cosa che balza all’occhio sono i procacciatori delle agenzie fotografiche che offrono pacchetti completi per noleggio Hànfú (汉服) + shooting fotografico.

Agli occhi di un occidentale della mia generazione questo spettacolo assomigliava molto da vicino ad una fiera Cosplay improvvisata nei pressi di un antico monumento orientale. 

Un pomeriggio a 深圳 Shēnzhēn

Prima di tornare in Italia, non essendo più disponibile il volo diretto Roma-Xi’an, siamo stati costretti a fare scalo a 深圳 Shēnzhēn, con l’occasione, abbiamo avuto un pomeriggio ed una serata per visitare il centro storico, cioè 南头 Nántóu.

shenzhen nantou 01

Molti negozi e ristorantini alla moda situati nelle antiche mura storiche di  南头 Nántóu, vale la pena fare un giro. Questo è uno di quei posti in Cina dove non è raro incontrare altri occidentali, in più, lo stile dei negozi è talmente cosmopolita e simile ai nostri, seppur nella variante orientale, che non sembra di stare in un posto così diverso dai nostri centri metropolitani. 

La vera differenza qui è l’imponente progresso tecnologico, i palazzi interamente illuminati di giochi di luce e animazioni, la quantità incredibile rispetto ai nostri standard di macchine elettriche che circolano per strada e, soprattutto, i gruppi di adulti di mezza età che popolano ogni marciapiede del centro per ballare balli di gruppo a ritmo dance.

shenzhen 01

Erano cose queste che avevo visto prima solo in alcune serie tv cinesi. Beh vederle con i propri occhi e filmarle con il proprio cellulare hanno davvero tutto un altro effetto.

Vederli mi ha dato un sensazione di curiosa simpatia, sembra un’incredibile sincretismo tra i balli di gruppo liscio da festa di paese e ritmi dance da discoteca adolescenziale, delle cose assolutamente inconciliabili dalle parti nostre, lì stanno insieme in una strana ma divertente armonia.

 

Conclusa con successo la presentazione dei libri sui Cinesi in Italia durante il fascismo

Conclusa con successo la presentazione dei due libri che hanno svelato ed approfondito una pagina rimossa della tragedia del fascismo italiano.

• I cinesi in Italia durante il fascismo. Il campo di concentramento (Philip L. Kwok)
• Aspettando la fine della guerra. Lettere dei prigionieri cinesi nei campi di concentramento fascisti. (Daniele Brigadoi Cologna)

Un grazie a tutto il pubblico venuto ad assistere alla presentazione dei due libri che hanno svelato ed approfondito una pagina rimossa della tragedia del fascismo italiano. Un grazie a Luna Cecilia Kwok per aver portato il suo contributo non solo di editrice di uno dei testi, ma anche come testimone diretta delle ricerche del padre, Philip Kwok, base per le fondamentali ricerche che hanno consentito di portare alla luce questa vicenda.

Un grazie ad Agnese Palma per aver portato il saluto dell’Anpi, per l’interesse mostrato verso queste altre vittime del fascismo, nonché di aver colto alcune delle storie personali emerse dal testo del Prof. Brigadoi Cologna, di straordinarie donne italiane, come Giuseppina Croci, partite giovanissime per la Cina a dirigere delle filande e tornate dopo aver conseguito grandi risultati. L’esser riuscita a collegare questa storia personale al quadro generale è stato spunto di grande riflessione per tutti.

Ringrazio Emanuele Pellecchia per aver raccontato come si è sviluppata l’idea per l’imminente realizzazione di un film che parlerà proprio del campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia, luogo dove alcuni dei cinesi internati furono trasferiti nella parte finale della loro assurda prigionia.

Un grazie anche al Prof. Brigadoi Cologna per aver raccontato nel dettaglio la ricerca raccolta nel suo testo, suscitando una profonda attenzione di tutto il pubblico presente. Il suo discorso non ha solo fatto comprendere gli assurdi motivi per cui degli innocenti sono stati rinchiusi in campi di concentramento ma ha anche svelato i processi storici che hanno condotto una parte del popolo cinese proveniente da un’area del raggio di 50 km della regione del Zhejiang in Italia, ricostruendo le loro esperienze di vita prima dell’arrivo, durante la prigionia e dopo la fine della guerra, quando iniziano a vivere nel contesto italiano del dopoguerra.

Non si è trattato solo di una storia di vittime del fascismo, questa è una vicenda dalle mille sfaccettature che apre a discorsi multidisciplinari che spaziano dall’ambito storico, sinologico fino a quello della sociologia delle migrazioni, per parlare di integrazione e sfatare luoghi comuni sulla Cina e i cinesi.

Considerata la riuscita dell'evento, l'Associazione Casa Gramsci a termine della presentazione ha annunciato la volontà di aprire un ciclo di incontri dedicati alla comprensione, studio e approfondimento del "mondo" Cina.

Un grazie a tutti e un arrivederci alla prossima iniziativa.

398108571 2620435481466681 5459454018980196284 n


In basso le slide che hanno introdotto la discussione, spiegando come l'idea originale per un evento che doveva mettere a confronto il vissuto della memoria della Resistenza in Italia ed in Cina, si sia poi tramutata con successo nella presentazione dei due libri citati.

 

{pdfviewer file=/images/blog/cinesi-in-italia-durante-fascismo/I-cinesi-durante-il-fascismo-presentazione-libri.pdf}

banner intorino tuttosport

Dal maggio del 2011 all'estate 2015 ho collaborato con l'agenzia grafica e giornalistica Edi-press curando le pagine dell'edizione locale di InTorino allegato di eventi del Tuttosport. Ho consigliato ai lettori del Tuttosport di Torino i più importanti concerti e spettacoli teatrali che si svolgono in città attraverso degli articoli.

Esperienza

Chief Information Officer, Communication Manager

Avalon Instruments

Social media manager

Ente Nazionale Turismo Cinese

Designer grafico

Copicopy - Centro Stampa Studio Grafico

Web Master

DailyGreen.it

Web Master, Content Manager

Avalon Instruments

Ufficio Stampa

ENIT - Agenzia Nazionale per il Turismo

Giornalista

Corrispondente per Il Caffè di Aprilia e dei Castelli

Formazione

Livello Cinese HSK4

Istituto Confucio

Laurea Magistrale

Comunicazione per Pubbliche amministrazioni e No-Profit Università La Sapienza di Roma

Laurea Triennale

Scieze e tecnologie della Comunicazione Università La Sapienza di Roma

Diploma di Maturità

Istituto Cine TV - Roberto Rossellini

Articoli e Blog

IMAGE
Un’estate indimenticabile, ritorno a Xī ān, prima volta a Yánān
Martedì, 14 Novembre 2023

难忘的夏天,回到西安,第一次去延安 Quest’estate 2023 è stata e sarà per me un’estate davvero indimenticabile. Dopo il caos, le sofferenze e le incertezze del Covid, dopo 4 anni di assenza, sono riuscito a tornare in Cina con la mia famiglia e per la prima...

Read More...
IMAGE
Chongqing Hotpot: quegli strani cortocircuiti tra il cinema d’autore cinese e l’Italia
Lunedì, 25 Dicembre 2023

Tre amici di infanzia e soci in affari nella gestione di un fallimentare ristorante HotPot ricavato in uno dei tanti rifugi antiatomici dismessi di Chongqing (retaggio della scampata guerra nucleare sino-sovietica), nel corso di lavori di ristrutturazione nel locale, sbucano per sbaglio nel bel...

Read More...
IMAGE
Il dono di Hu Yaobang per Berlinguer
Mercoledì, 24 Gennaio 2024

Domenica 21 gennaio ho visitato la bellissima mostra “I luoghi e le parole di Enrico Berlinguer” all’Ex mattatoio di Roma, nel quartiere Testaccio. È stata una bella occasione per approfondire la conoscenza sulla vita di Berlinguer, vedere foto inedite della sua vita...

Read More...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.