La commissione promuove il piano con riserva, Terra parla di "miracolo". Rimangono perplessità su viabilità e rete fognaria.

La commissione urbanistica del 5 dicembre scorso ha espresso parere favorevole sul Programma integrato di interventi (ormai noto ai più come Piano integrato), presentato dalla società Colosseum srl e Tomassini A. e S., mettendo però a verbale alcune osservazioni.

2013 12 05 commissione urbanistica piano integrato mazza colosseum tomassini 1000Il Piano si sviluppa su una superficie di 58.000 mq, per una cubatura complessiva di 97.000 metri cubi.
Due le principali criticità sollevate nei confronti di questo piano, sia dai banchi dell'opposizione che da quelli della maggioranza, entrambe già esplicitate in passato dai cittadini campoleonesi a promotori, progettisti e amministratori. A preoccupare sono le probabili ricadute negative sulla viabilità e la mancanza di una vera rete fognaria in grado di sopportare un incremento di 1.000 abitanti circa.


«Questa viabilità di mille e passa abitanti si andrà a riversare sulle due strade, via del Tufello e via Campoleone Scalo, che già sopportano il traffico del posto. Non c'è adeguamento viario tra il carico che creerà questo nuovo quartiere e le vie di fuga dell'attuale» ha dichiarato in commissione Ornella Pistolesi (Rete dei cittadini).
Eppure, nonostante le critiche, il Sindaco spinge per accelerare  l'approvazione definitiva del piano. «Rispetto a quel progetto noi abbiamo fatto già un miracolo – ha sentenziato Antonio Terra -  perché il proprietario dello stabilimento (la Colosseum s.r.l. ndr) potrebbe andare da solo escludendo le opere di compensazione. Dobbiamo chiudere questa vicenda, anche in relazione al fatto che il piano casa scade tra un anno e mezzo».


In questa considerazione il Sindaco però omette un particolare fondamentale. Se la Colosseum s.r.l. decidesse di lasciar perdere il Piano Integrato ed usufruisse del Piano Casa, potrebbe sì convertire i capannoni dismessi in cubatura residenziale, ma la vedrebbe ridotta rispetto ai 97.000 metri cubi che ora gli spettano.


Ha tentato una mediazione Luana Caporaso rappresentante della lista Insieme per Aprilia e residente della borgata «Perché chiedergli subito scuola, fogna, strada? Passerà del tempo prima che i privati ottengano i permessi per iniziare a costruire. Più avanti potrebbe essere il Comune a realizzerare le fogne, magari con un finanziamento. Perchè per quanto mi riguarda il progetto preoccupa molto per viabilità e fognature, che secondo me sono indispensabili».
Ma dare il via libera ai lavori senza nessuna garanzia - da parte dei privati, tanto meno del Comune – di vedere realizzate quelle infrastrutture indispensabili per evitare che la nascita di un nuovo quartiere trasformi Campoleone in una borgata invivibile, non farebbe dormire sonni tranquilli ai residenti.

Stefano DAlessandro
Author: Stefano DAlessandroWebsite: www.stefanodalessandro.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Alcune informazioni su di me

Sono nato il 26-12-1982 e mi sono laureato in Comunicazione e pubblicità per pubbliche amministrazioni e non profit nella Facoltà di Scienze politiche, Sociologia e Comunicazione dell'Ateneo Sapienza di Roma. Ho maturato esperienza negli uffici stampa di Associazioni Non Profit (Officina Culturale Arci La Freccia di Aprilia dal febbraio all'agosto del 2009), enti pubblici (ENIT Agenzia Nazionale del Turismo da marzo a ottobre 2010) e nell'agenzia di comunicazione Edi-press. Ho scritto di sport, cronaca e politica locale per il quindicinale il Caffè. Da sempre appassionato di nuove tecnologie e web ho deciso dopo l'esperienza del giornalismo di orientare la mia carriera professionale su questo nuovo fronte per passione e per arricchire le mie competenze professionali in maniera trasversale e poliedrica. Attualmente lavoro come web master/content manager di Avalon Instruments. Realizzo e sviluppo siti web ed effettuo lavori di grafica.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Condividi sui social

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi contatti social

Sostienimi

Ti è piaciuto questo articolo? Ti è stato utile?

Sostienimi con una donazione di 2 €

Toogle Right

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.